lunedì 14 novembre 2011

FRANK MILLER SI SCAGLIA CONTRO GLI INDIGNATI





Marv


Occupy Wall Street è un movimento di contestazione pacifica nato negli Stati Uniti per denunciare gli abusi del capitalismo finanziario. La contestazione, rivolta principalmente contro le diseguaglianze economiche e sociali che si sono sviluppate soprattutto in seguito alla crisi economica mondiale (che in questi giorni si sta abbattendo furiosamente anche sulla nostra penisola), si ispira ai recenti movimenti di proteste che hanno portato al capovolgimento di alcune dittature nordafricane ed è caratterizzata da azioni di protesta dimostrative e pacifiche (tranne nel caso della manifestazione tenutasi a Roma). Questo movimento è diventato, nel corso di questo fine settimana, l'obiettivo dello sfogo di Frank Miller. Sul suo blog l'autore newyorkese ha infatti scritto una dura e inappellabile invettiva contro gli attivisti del movimento:

"Tutti sono stati troppo dannatamente educati riguardo questo nonsense: 


il movimento “Occupy Wall Street”  così come si è  manifestato a Wall Street o nelle strade di  Oakland (città che, con indicibile codardia, lo ha abbracciato) non è nient'altro che un esercizio del nostro benedetto Primo Emendamento. “Occupy” non è nient'altro che un gruppo di zotici, ladri e rapitori, una massa di persone senza regole, nostalgici dell'epoca di  Woodstock e falsi, putridi giustizialisti. Questi pagliacci non possono fare altro se non danneggiare l'America. 


"Occupy Wall Street" non è null'altro che un piccolo, goffo, male espresso tentativo di far dilagare l'anarchia, estendendola al "movimento" - HAH! nessun "movimento", a meno che non ci sia attaccata la parola "intestinale" - ma non è niente altro che una brutta abitudine di un branco di persone che sfoggiano i loro iPhone e iPad e il cui unico desiderio è quello di interferire con le persone che lavorano e trovare un lavoro per se stessi.


Questa non è una rivolta popolare. 


Questa è spazzatura.


E la bontà è consapevole che costoro stanno spargendo la loro immondizia - sia politicamente che  fisicamente - ovunque e in qualsiasi modo. Svegliatevi, feccia! L'America è in guerra contro un nemico spietato. Forse, tra un'assalto di autocompassione e tutte le vostre perle di narcisismo, nei vostri confortevoli piccoli mondi vi è capitato di ascoltare parole come Al-Quaeda e Islamismo. E questo mio nemico - e apparentemente non vostro - nell'ombra si sta godendo il vostro inutile, puerile e autodistruttivo spettacolo. In nome della decenza, perdenti, andate a casa dai vostri genitori. Tornate ad attaccarvi alla gonne delle vostre madri e a giocare con i vostri Lords Of Warcraft. O meglio ancora, arruolatevi per qualcosa di reale. Forse i nostri militari potrebbero portare qualcuno di voi fuori dall'ombra. Benché non credo che vi lasceranno portare con voi i vostri iPhones, ragazzini. Provate a diventare soldati. 


Bastardi.


FM" 


L'invettiva, è innegabile, rispecchia appieno la fase artistica, e personale, che sta attraversando Frank Miller; l'autore di alcune delle opere più apprezzate del fumetto statunitense negli ultimi anni ha estremizzato le sue posizioni politiche (comunque non moderate) identificando nell'Islam e in Al-Quaeda il nemico dell'America; un nemico infido e spietato, da abbattere, schiacciare e cancellare. Il manifesto programmatico di questa sua visione del mondo, dell'America e dei suoi nemici è la sua ultima opera (Holy Terror, di cui ho ampiamente parlato nelle settimane passate). Di certo le posizioni assunte da Miller e la sua scarsa volontà di mediazione e moderazione non lo stanno rendendo "simpatico"; già tra i frequentatori del suo blog sono in molti a non condividerne le posizioni e il suo cieco sentimento di odio per un il nemico.

22 commenti:

Pangio ha detto...

A me questo Miller ricorda un pò l'ultima Oriana Fallacci.
Per il resto penso che come autore abbia da un pò imboccato il viale del tramonto

Stepharon ha detto...

Sarebbe ora di staccargli la spina.....

Superheld ha detto...

Dov'erano questi "indignati" qualche tempo fa, quando cominciavano a germinare i prodromi della crisi economica attuale?
E' facile indignarsi quando i soldi in tasca sono finiti (lo fanno anche i politici), ma fino a quando c'erano (i soldi, intendo) perchè non si indignavano? Perchè restavano inerti e preda delle illusioni della folle gestione dell'ultimo quindicennio, compresa quella (non meno disastrosa) di Obama? E ora si indignano?!!
Ma, invece, di indignarsi e calare nelle strade, sfasciando tutto, distruggendo vetrine e danneggiando la proprietà privata e pubblica, perchè non si rimboccano le maniche e vanno a cercarsi un lavoro (e se il lavoro non si trova, si arrangino e se lo creino). Parlare solo per parlare, protestare solo per protestare, senza proporre niente di valido, non serve a niente.

CREPASCOLO ha detto...

wreSono d'accordo con Pangio: sento l'eco dell'ultima Oriana Fallaci, ma la signora aveva qualche attenuante come esser stata corrispondente in Vietnam, elmetto e biglietto con il quale si diceva cosa fare del corpo quando e se fosse stata colpita. Esperienze così scavano nei neuroni e portano a posiz che suscitano dibattito e obiezioni in chi non è stato sotto il fuoco nemico e amico.
Direi che FM - persino nella forma - ricorda lo Ellroy post
9/11. Tante teste eccetera, ma, per quello che può valere, stavo per chiamare il mio cucciolo Giacchirbi o Franmiller - Crepascolino ha quasi tre anni - ma Crepascola si è opposta. Continua a piacermi il papà di Elektra e Marv, ma la mia posiz comincia ad assomigliare a quella della critica USA nei confronti di Ezra Pound: forse il poeta supremo del 20mo secolo, ma era un collaboratore dei fascisti.
Noto, en passant, che due autori dal vissuto così diverso come James e Frank siano stati in grado, nel loro momento migliore, di stigmatizzare, nel contesto di una anarchia di sottofondo che ammantava una sfiducia nel potere e nell'essere umano in ultima analisi , un'America che poteva usare la chiave di lettura del pulp - post-moderno quanto si voglia - per interrogarsi sulle contraddizioni che la reggono da quando i padri fondatori barattavano con specchietti ed altre piacevolezze l'isola di Manhattan. Un pessimismo cosmico, se consideriamo l'America come una galassia complessa e proteiforme, che è raccontata, con accenti diversi , anche dai fratelli Coen e da Martin Scorsese. La deriva estremista di FM, al momento, non lo premia: il suo Fixer non ha i numeri per competere con i blockbuster della DC. Un segnale, forse, da parte di un pubblico che lo ha seguito mentre faceva trafiggere la bella greca da uno psicopatico, si è entusiasmato per la combo di metallo urlante e manga di Ronin, ha sofferto con il Gordon dell'anno uno di Bats e lo Scavezzacollo rinato nella cucina del diavolo, ha risalito la china come il pipistrello vecchiotto contro il Supes di regime e si è perso per le strade della città del peccato, ma non è disposto ad aderire al lato oscuro della Forza, perchè sa, in cuor suo, che dietro l'angolo non ci sarà Lando Calrissian, ma Lando Buzzanca, in corteo con altri nostalgici di tempi in cui il b/n non era solo nei comics. Semmai daremo un fratellino a 'Lino, lo chiameremo Carlobarco, perchè Cavazzo invita a rime non piacevoli. Mm.

luigi milani ha detto...

FM ha gettato definitivamente la maschera.

illustrAutori ha detto...

l'abbiamo perso (da un bel po' peraltro), ormai è ufficiale.. ;-)

LUIGI BICCO ha detto...

Si è definitivamente rincretinito. Come tutte le menti brillanti che in vecchiaia non trovano più un riscontro dei successi di gioventù.

Trovati qualcosa di veramente bello da fare, Frank.

E lascia perdere fumetti e cinema che non c'è più trippa per gatti. Oppure fatti scrivere qualcosa da qualcuno e mettiti a disegnare e basta.

CREPASCOLO ha detto...

@Luigi Bicco.
Non concordo. Il successo di pubblico - lasciamo stare l'ultima fatica fixerica - segue FM come un'ombra. Batman & Robin ( matite di Jim Lee/chine di Scott Williams ) è stato un blockbuster. Offro una teoria e pezze d'appoggio: se si rilegge il team tra Bats e Spawn ( 1994, matite del Toddster - blockbuster assoluto in quell'anno ) si trovano già i tic che sono sviluppati, titillati e ingigantiti nella citata miniserie All Star. Satira del ruolo del vigilante, dida scatenate e un tono che anticipa i blockbuster di Michael Bay ( the Rock non potrebbe essere un fumetto in modulaz di frequenza FM ? ). Negli ultimi 20 anni il nostro ha estremizzzato la roba con cui condiva i suoi lavori di sempre. Noto tra l'altro che lo ha fatto in modalità Kubrick ( ogni lavoro termina con i prodromi del prossimo - si veda il bel Castoro di Enrico Ghezzi ) : lo sbirro corrotto di Hell and Back è il Luthor ipertrofico di DK2 ed il buono è il Nazareno di un graphic novel poi accantonato per le difficoltà di raggiungere le locations dopo 9/11.
FM, sempre secondo il mio modesto e sindacabilissimo punto di vista, ha un punto di vista su cosa siano i comics che ama fare ( e quelli che non ama leggere ) e ha rimodulato il suo punto di vista sulle cose del mondo, più o meno inconsciamente , in funzione del suo millerverso. Come un bimbo - ne so qualcosa - che vede in James Franciscus uno Steve Rogers in carne ed ossa ed in Rita Levi Montalcini la gemella diversa di Agatha Harkness e deplora che non tutti gli esseri umani abbiano lo zigomo alto e le dita quadre. Poi sono cresciuto e ho messo il King dove è giusto che stia, ma fino ad un certo punto ( ho già detto di Giacchirbi, vero ? ). FM è lì nei paraggi di quella cristallizzazione - come tutti gi artisti ha qualcosa di fanciullesco - e non è detto che non passi oltre e ci stupisca nuovamente con straordinari effetti speciali.

Pinocuozzo ha detto...

Cmq anche Holy Terror è stato un successo commerciale, eh..primo posto degli hardcover per due mesi di fila...e poi a me sto Frank miller attivo e controcorrente mi gusta non poco

Superheld ha detto...

Oh, questa si che è bella! Quindi: se Frank Miller è di sinistra o appartiene alla sinistra, le sue idee, le sue parole e le sue opere sono di valore. Se, invece, manifesta idee diverse (non-di-sinistra), le sue idee, parole e opere non valgono niente o, come è stato detto nei precedenti commenti, "ha gettato la maschera", "si è rincretinito" o peggio.
La domanda: perchè la sinistra, invece di
demonizzare/offendere/ridicolizzare chi è di idee diverse, non si mostra meno saccente e arrogante e non si pone su un livello di un contradditorio civile?
E la stessa cosa dicasi delle offese a Oriana Fallaci: solo perchè non è di sinistra è una pessima scrittrice? Ma, per cortesia! Era e resta una grande autrice, che ha segnato una pagina della storia del novecento.
E ripeto: ma gli indignati, oltre a sfasciare vetrine e perpetrare violenza, perchè non propongono qualcosa di serio o se non ne sono in grado, perchè non vanno a lavorare? Per ora e per quello che fanno, si manifestano solo come braccia sottratte all'agricoltura.

CREPASCOLO ha detto...

Non credo che, mai, in nessun momento della sua carriera, nemmeno quando disegnava John Carter di Marte con un segno nealadamsiano, qualcuno si sia mai sognato di pensare che FM sia un sostenitore di una qualche sinistra, anche considerando che negli USA questo significa sia il tizio che si è battuto per un sistema mutualistico alla canadese al fianco prima della signora Clinto e poi di Obama, ma anche l'ultimo radical chic ( ricordo un vecchio Hulk disegnato dalla Severin che ironizzava sui parties dei personaggi di Tom Wolfe ) ed il ragazzino che spera in un nuovo Che. FM ha sempre raccontato, secondo me in modo coinvolgente, la stessa storia dello one man standing cinico e disilluso che carica i mulini a vento , prez virtuali o ecclesiastici diabolici, lancia in resta e porta a casa il risultato, a qualsiasi costo il che può significare sedersi sul Vecchio Scintillone o tirarsi un colpo alla zucca. Se proprio proprio, direi che è stato, x lunga pezza, un anarchico scettico. Oggi è quell'altra cosa che traspira dal suo blog.

LUIGI BICCO ha detto...

@ Superheld:
Per quanto mi riguarda, non mi sono spiegato granchè bene, evidentemente. Non è una questione politica. Se si è rincretinito è perchè All Star Batman è brutto (scusa, Crepascolo, è solo una questione di gusti), perchè si mette a fare film inqualificabili (The Spirit) rovinando personaggi memorabili non creati da lui e perchè si mette a fare il profeta in patria invece di fare quello che dovrebbe saper fare meglio.

Che sia di destra o di sinistra, non importa. E' il modo.

Superheld ha detto...

Se aggiungi al tuo pensiero le parole "secondo il mio punto di vista, FM ha fatto questo, è questo, ecc.", ok.
Qualcun altro, che ha gradito quelle opere, potrebbe non essere d'accordo con te sui punti che hai sollevato.
E' il vizio di cominciare a insultare/offendere/ridicolizzare chi non condivide più certe posizioni, quello che va tolto.

CREPASCOLO ha detto...

@Luigi Bicco.
Pienamente d'accordo sul de gustibus. A me piacciono anche i disegni di Chas Truog x lo Animal Man di Morrison che nemmeno la sua mamma apprezza. Le ho scritto e mi ha detto che avrebbe preferito scegliessero Ron Garney ( che era in lizza ndr ) sebbene al tempo il suo tratto non fosse ancora quello che ha accompagnato Cap nella famosa run di Waid.

Resto comunque dell'idea che All Star Bats & Robin è interessante, ma devi partire dal presupposto che è il Capo Crociato di Miller. Rrobbe Recchioni scrisse nel suo blog che sotto il cappuccio c'era Marv. E' FM vestito da Dracula con la barba lunga che si bulla con i gadgets e considera i metaboyscouts dei tontoloni fuori del mondo. Del suo almeno.
Stiamo parlando di un tizio che non ha mai potuto soffrire il telefilm camp con West e Ward e che è cresciuto con Spillane.
Io vivo nella speranza che riscriva e disegni la saga dei Puffi come fosse Sin City. Blockbuster !

LUIGI BICCO ha detto...

@ Crepascolo:
Chas Truog è un bravo professionista. Ma preferisco Ron Garney ;)

A me piacerebbe semplicemente che Miller si mettesse a scrivere e disegnare di nuovo Sin City, facendo finta di essere quello di un tempo.

CREPASCOLO ha detto...

@ Luigi Bicco
Il Ron da Ghost Rider in poi. E non sempre. Era svogliato sugli X-Men. Forse era anche colpa dell'inker. Ti dico solo una cosa, facci caso: quando Garney disegna un metaumano ipertrofico steso su di un letto/barella, i muscoli ''non '' si rilassano. La stessa roba di un implume, ma tenero, Sal Buscema nel prologo alla guerra Kree-Skrulls. Poi, è chiaro, in termini assoluti, è meglio di Chas ( che saluto ed al quale chiedo di tornare nel mainstream dopo la parentesi Teodorani ). Diciamo che in certi momenti ( run JLA for example su testi dell'ineffabile Chick Asten ) siamo dalle parti di un Sinis-di-getto. Cose che vedrei volentieri in SBE ora che la deriva è iperrealismo sopra tutto. Estrai la matita e schizza, cowboy ! A quando un Damphyr di Makkox ? In fondo, abbiamo avuto una fraz di Doe di Flaviano !

Mi sbaglierò e non sarebbe la prima volta- io credevo che Vasco Rossi sarebbe andato avanti con i concerti ben oltre le fosche previsioni dei calendari precolombiani - ma FM non tornerà a bazziccare Basin City. L'ultimo bacino ( con tante scuse a Muccino ) è stato quello con l'ex marine dal look Nuovo Testamento che vive una vita in b/n, ma sogna a colori l'immaginario milleriano.
Secondo me le cose andranno in questa direzione: il successo planetario di Sin City 2 rimetterà in sella il ragazzo del Vermont. Mentre tratta x dirigere il prequel di 300, FM scriverà la storia di Kay Nacha, una lapdancer latinoamericana con un fisico alla Bob Crumb che arrotonda posando per calendari scollacciati. Quando scopre che un tizio - che chiameremo Vermouse - uccide le altre modelle, compresa l'ultima conquista di Kay , per popolare la sua versione dello Yellowstone Park in cantina, rispolvera il suo addestramento di agente dormiente per il Cremlino e fa da esca e da predatore ensemble. Betty Page incontra la Dalia Nera, una cosa come una Ugly Betty sotto acido. B/n e tratto istintivo come nel
DK2. Splash pages sotto controllo. Le vignette che ci portano nel covo di Vermouse con tutte quelle ragazzotte tarchiate e sensuali immobili e travestite da orsotti di Hanna & Barbera turberà i sonni di + di un lettore. Noi invece guarderemo le tavole e penseremo che Nacha distesa sul tavolaccio dell'imbalsamatore ha qualcosa di rigido e non rilassato che ci ricorda qualche altro cartoonist...

Emi ha detto...

Lo stavo leggendo qualche giorno fa.
Ma guarda che 'sto tipo è strano. Due tre anni faceva discorsi da texano reazionario, e poi si è saputo che appoggiava i democratici.
Poi la storia di Batman VS Al Qaeda.
Ora questo.

Se non avesse GIA' toccato il fondo con lo stupro al personaggio The Spirit, direi che questo è il suo momento più basso.

Roberto D'Andrea ha detto...

@ Crepascolo: FM negli '80 era un liberal classico: basta leggere i suoi fumetti: l'attacco anti-imperialista che c'è sia in Born Again sia in Elektra Assassin. Fu peraltro un attivo sostenitore di CLinton nel '92 e difese i diritti degli omosessuali con un iniziativa insieme ad altri autori nell'88. Ad un certo punto, più o meno quando è uscito il secondo Sin City ha cominciato a fare determinate dichiarazioni e a scrivere cose diverse. Ebbi modo di conoscerlo a Roma nel '94 e mi colpirono molto le sue posizioni anti-omofobiche e anti-machiste. Ora è un fascio all'americana, e questa ne è la ennesima conferma. E' un ex, come tanti altri. Che poi non so se il fatto di essere contro l'islam significhi essere di destra. Io sono di sinistra ma l'islam non mi piace per niente (come anche Israele e la chiesa cattolica).

Superheld ha detto...

La maggior parte delle critiche contro la Chiesa Cattolica sono fondate su fatti e affermazioni completamente false. La verità è alla fonte del problema: verso la metà del diciannovesimo secolo, la Chiesa cominciò ad essere attaccata perchè si proponeva come punto di riferimento delle masse operaie (che in quel momento si stavano organizzando come forza sociale). Il nascente movimento socialista, temendo di perdere la leadership della corrente, cominciò ad attaccare la Chiesa in modo cieco e insensato. La sinistra (italiana, soprattutto) lo fa ancora oggi, percorrendo un cammino di odio furioso e incomprensibile. Tante persone, infatti, si dichiarano contrarie alla Chiesa Cattolica e ai principi del cristianesimo senza sapere perchè (e senza conoscere nè la Chiesa nè i principi del cristianesimo).

CREPASCOLO ha detto...

@Roberto D'Andrea.
Molto interessante. Ora che ci rifletto, mi accorgo che non ho mai considerato FM un autore ''macho'' : il suo Scavezzacollo era un bel minestrone, ma non una ribollita almeno nel contesto dei comics mainstream degli eighties, di pulsioni contraddittorie che sfociarono nello spingere al suicidio Heather Glenn, un inconscio maniaco del controllo
( ne so qualcosa: quando giocavo a Monopoli alle elementari, avevo introdotto i pagherò tra le regole del gioco ) che rileggeva - nel rapporto con Elektra - la necrofilia cara allo Hitch della Donna che Visse due Volte ed al quasi coevo X-Chris che omaggiava lo stesso film nel personaggio di Madelyne Prior ( il nome vagamente proustiano della Novak nella pellicola ) compagna ''ritornante '' di un ineffabile Scott Summers.
In altri termini, il ns scrive su + livelli, a differenza di alcuni epigoni anche bravi ( uno su tutti: Chuck Dixon ) che ci raccontano la storia - tanto cara ad un Paese in cui per decenni al cinema si prediligeva il western - del vendicatore solitario in lotta con un mondo fuor di sesto.
Una curiosità - oltre alla citata Regina dei Goblin , sono tanti gli omaggi dei colleghi al lavoro di FM - ne cito qualcuna:
1) il look di Tempesta con la cresta punk è ripreso da un personaggio di Ronin
2) il primo Cable ( Liefeld/Nicieza ) è una rilettura ''corazzata '' del Bruce Wayne di Dark Knight Returns e la vignettona, dall'ultimo numero di New Mutants, con Shatterstar che si trafigge per stecchire l'avversario che ha appeso alla schiena è una citazione di un momento clou del citato Ronin.
3) la Psylocke ninja è un chiaro omaggio alla fidanza greca e assassina a giorni alterni di Matt Murdock
4) il commissario Nolan del Ghost Rider/Danny Ketch è il parigrado Gordon in Bats : Anno Zero. Cosa che deve aver pensato e quindi reso anche Lee Weeks nello special Fear ( team up con Cap contro lo Spaventapasseri )

FM faro nella notte. Una volta, ma non si sa mai. Sperem.

Pangio ha detto...

Beh, sapete che spesso chi da giovane è progressita e liberal (per restare agli Usain cui la divisione tra sinistra e destra ha ben poco senso) da grande e ancor più da vecchio diventa conservatore e a volte reazionario.
Che poi Miller abbia realizzato il peggior film di tutti i tempi tratto da un fumetto è questione ormai accertata, sulla quale è inutile tornare
Sulla Chiesa cosa dire?
Primo che è formata da esseri umani in quanto tali fallibili.
Secondo che non bisogna mai generalizzare, fra i sacerdoti ci sono i santi e putroppo anche i pedofili come del resto ha riconosciuto lo stesso Papa.
Qundi per me non esiste alcuna congiura internazionale o di sinistra contro la Chiesa.

Superheld ha detto...

Quindi, chi è giovane è ingenuo e stupido e viene considerato "liberal". Quando diventa più vecchietto, matura, acquista intelligenza e diventa reazionario e conservatore?
Per cortesia!

Riguardo alla Chiesa, si tratta di "fatti" storici (accertati e accertabili). Basta recarsi in qualsiasi biblioteca e consultare le opere degli storici e degli studiosi che hanno analizzato (nel corso degli ultimi due secoli e mezzo l'argomento). Esiste una costante congiura contro la Chiesa (non tanto per motivi di fede religiosa) per ragioni di opportunità: la Chiesa vuole assumere o svolgere un ruolo importante come guida della società; le istituzioni politiche e finanziarie (ansiose di spremere e vessare il popolo) non lo permettono e la ostacolano in ogni modo (in alcuni casi anche apertamente, come nei paesi dell'ex-blocco comunista dell'Europa Orientale, dove i cattolici erano addirittura perseguiti). Fatti storici. Chi li mette in dubbio, non conosce la storia o nega la realtà.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...